“Governar bestiame. Storie di uomini e animali”

Si chiama “Governar bestiame. Storie di uomini e di animali”  la conferenza-dialogo organizzata dalla sezione Trentino dell’Associazione Culturale Alteritas – Interazione tra i popoli e prevista per il prossimo 15 luglio, ore 10,  presso il Museo delle Palafitte di Fiavé. L’appuntamento si svolge in collaborazione con la Pro Loco di Fiavé e l’Ecomuseo della Judicaria, con il sostegno della Provincia, della Soprintendenza, della Fondazione Edmund Much di San Michele all’Adige e del Centro Studi Judicaria.

locandina_bestiame_light.jpg“Governar bestiame” è una conferenza dedicata al tema dell’alpeggio e al rapporto uomo-animale nelle comunità montane del territorio trentino dalla preistoria alla contemporaneità. Vi prenderanno parte Franco Nicolis, direttore dell’ufficio beni archeologici della provincia di Trento, che analizzerà testimonianze materiali riguardanti l’attività del pascolo e della transumanza, alpeggio e la possibile produzione casearia durante la Preistoria recente, Francesca Nicolodi, Centro Studi Judicaria, che presenterà il progetto di censimento e studio dei possibili indicatori  di utilizzo degli ambienti montani per attività pastorali, e Walter Ventura, della Fondazione Mach, che guiderà gli spettatori in un viaggio alla scoperta della storia recente delle malghe e più in generale dell’apicoltura del territorio alpino centro-orientale.

L’ingresso è libero.

 

Tutti i partecipanti che presenteranno il biglietto di ingresso al museo presso uno dei ristoranti aderenti all’iniziativa riceveranno uno speciale sconto.

locandina_bestiame_light.jpg

Annunci

Racconti di vite 2016

 

Grazie al successo dell’edizione 2015 (11 dicembre) il Comune di Mezzolombardo, in collaborazione con l’Ufficio Beni archeologici della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Bolzano, il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina di San Michele all’Adige, la ProLoco di Mezzolombardo, il Consorzio Turistico Piana Rotaliana-Königsberg, la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino e l’AIS – Associazione Italiana Sommelier Trentino, ha deciso di sostenere e promuovere l’evento ideato da Alteritas Trentino, legato alla seconda edizione della rassegna “CiBiAMO la MENTE”.

Per il 2016 l’evento prevede una serie di iniziative nei giorni compresi tra il 20 e il 23 ottobre.

Giovedì 20 ottobre (ore 20.30 – presso la sala Civica del Comune di Mezzolombardo) avrà luogo l’incontro intitolato “Il trasporto del vino lungo la via Claudia Augusta, fra storia e turismo” a cura dell’ associazione Castelli del Trentino.

Venerdì 21 ottobre alle ore 20.00 – presso il Teatro San Pietro – è prevista la conferenza-dialogo “Racconti di vite 2016”, ideata da Alteritas Trentino e dedicata alla pratica della viticoltura dall’antichità alla contemporaneità: i partecipanti saranno guidati in un vero e proprio viaggio nel tempo alla scoperta del vino come elemento d’interazione e incontro tra diversi popoli e culture. I relatori saranno: Umberto Tecchiati dell’Ufficio beni archeologici della Provincia autonoma di Bolzano che illustrerà l’eccezionale scoperta delle più antiche botti d’Europa rinvenute presso il sito di Rosslauf – Breassanone. Particolari condizioni ambientali hanno permesso, infatti, la conservazione di botti, tini, ruote e altri importanti oggetti che ci testimoniano l’antichità del commercio del vino in regione e i contatti con il mondo etrusco-italico. Il vino diventa così via di interazione tra i popoli ed elemento di diffusione di conoscenze e saperi. Il secondo relatore sarà Giovanni Kezich, direttore del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, che ci presenterà il vino come “strumento” di incontro tra persone nella convivialità dell’osteria e/o della caneva. A partire da considerazioni di ordine anche quantitativo di cosa sia la cultura del vino e di quale posto essa occupi nel contesto culturale che ci circonda, si cercherà di individuarne alcune delle componenti semantiche maggiormente significative, in uno specifico contesto di associazioni e/o opposizioni simboliche. In secondo luogo, si cercherà di individuare i motivi propri delle attitudini ampiamente divergenti circa il consumo del vino all’interno di differenti contesti confessionali, cercando lungo il percorso di individuare e mettere a fuoco qualche significato recondito di un’espressione arcinota eppure del tutto sibillina: in vino veritas. Concluderà la  conferenza-dialogo Marina Schmol, Sommelier dell’AIS – Trentino, che illustrerà ai partecipanti le caratteristiche del Teroldego Rotaliano invitando alla successiva degustazione che avrà luogo nell’atrio del teatro. Seguirà infatti una degustazione di Teroldego Rotaliano (offerto dalle cantine aderenti), di prodotti del territorio (organizzata dalla Strada del Vino e dei Sapori del Trentino) e di pane artigianale (del Panificio Tecchiolli).

Sabato 22 ottobre (a partire dalle ore 17.00) gli interessati potranno conoscere e visitare le cantine aderenti all’iniziativa, aperte per l’occasione.

Domenica 23 ottobre (ore 18.00 – presso Sala Spaur) avrà invece luogo “Tra un bicchiere e l’altro: conversazioni artistiche con Roberta Semeraro e Paolo Tait”. Durante l’evento verranno presentate alcune opere, dedicate al vino e alla vite, realizzate dall’artista rotaliano. L’introduzione sarà di Roberta Semeraro, curatrice della mostra di Paolo Tait alla XV Biennale di Architettura di Venezia. Le opere saranno in seguito suddivise ed esposte nelle sette cantine di Mezzolombardo al fine di formare un percorso ideale per gli amanti dell’arte contemporanea e del Teroldego Rotaliano.

 

 

 

raccontidivite_web_2016

Locandina Paolo Tait

 

Racconti di vite.

Racconti di vite: la viticoltura dall’antichità alla contemporaneità.

 

 

 

Invito_Racconti_di_vite_invito_fronte

Nell’ambito della rassegna CiBiAMO la MENTE l’associazione culturale Alteritas Trentino, con l’appoggio e la partecipazione della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento, della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige, propone la realizzazione di un evento, che avrà luogo a Mezzolombardo l’11 dicembre 2015 ore 20.30 presso la Sala Civica del Comune, dedicato alla pratica della viticoltura dall’antichità alla contemporaneità e intitolato Racconti di vite“.

Tale occasione è dedicata a un pubblico di interessati, sia turisti, sia locali.

Invito_Racconti_di_vite_invito_retro

Obiettivo principale della manifestazione è quello di dare l’opportunità ai diversi pubblici e a tutti i soggetti partecipanti e promotori dell’evento  di conoscere e approfondire (a vari livelli), grazie al dialogo con specialisti, tematiche solitamente ritenute distanti tra loro ma in realtà intimamente legate.

Il filo conduttore della manifestazione sarà infatti l’alimentazione sostenibile, in linea con il tema di EXPO 2015 – Nutrire il Pianeta, Energia per la vita – e in particolare la pratica della viticoltura e la produzione di vino.

L’evento si articolerà in brevi presentazioni (20 minuti) da parte degli specialisti intervenuti, cui farà seguito un dialogo con gli spettatori e una degustazione di Teroldego offerta dalle cantine della Piana Rotaliana.

Gli studiosi invitati saranno: Dott. Franco Marzatico Soprintendente ai beni culturali della Provincia autonoma di Trento, il Dott. Francesco Fellin, enologo della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige e il Prof. Andrea Leonardi, docente di storia economica, dell’Università degli Studi di Trento.

A seguire avrà luogo una degustazione guidata di Teroldego Rotaliano, raccontato direttamente dai produttori, e di prodotti gastronomici locali presentati dalla condotta Slow Food delle Terre del Noce e offerti da Comune di Mezzolombardo. Durante la serata saranno presenti anche alcuni sommelier dell’AIS Trentino.

Locandina di Racconti di vite